Posted on

Super Mario Odyssey revisione

Che cosa definisce un gioco Super Mario?

E’ una domanda che ho pensato molto mentre giocavo con Super Mario Odyssey, che domani lancia sul Nintendo Switch. Ci sono i dettagli fondamentali, naturalmente: Mario salta, raccoglie le monete, gli stomace i cattivi. A un certo punto probabilmente si troverà a dover affrontare una tartaruga arrabbiata di nome Bowser. Ma c’ è qualcos’ altro nel cuore della serie, qualcosa che l’ ha aiutata a vivere per più di tre decenni su più piattaforme: un desiderio irremovibile di sorprendere.

Nel migliore dei casi, i giochi Super Mario ti affrontano costantemente con nuove idee, sia che si tratti di un luogo nuovo da esplorare o di una nuova abilità che cambia il tuo modo di interagire con il mondo che ti circonda. E Odyssey esemplifica questo più di qualsiasi altro gioco della serie prima. E’ semplicemente pieno di creatività selvaggia. In un minuto stai guidando un carro armato lungo una strada della città bagnata dalla pioggia, l’ ora successiva sei vestito da pagliaccio mentre cerchi di guidare le pecore attraverso il deserto. Ad un certo punto si possiede letteralmente una gigantesca lastra di carne.

Ma attraverso tutta questa stranezza – e Odissea può diventare davvero strana – il gioco rimane un piacere costante da giocare.

Mario

Odyssey è un Mario 3D nello stampo di Super Mario 64, con una struttura che consiste in una serie di mondi grandi, discreti e un po’ aperti. Ci sono due elementi chiave che lo distinguono dagli altri giochi di Super Mario della serie. Uno è un nuovo personaggio: Cappy, un cappello senziente che permette a Mario di possedere oggetti e personaggi. Sostituisce essenzialmente il sistema di power-up dei giochi precedenti. Toss il cappello su un Bill Bullet e si diventa un razzo inarrestabile scoppiare attraverso muri e nemici. Gettare su una rana e si può saltare a quote ancora maggiori, mentre sembra completamente adorabile. Molti dei puzzle del gioco sono progettati intorno a capire come utilizzare questa strana serie di abilità per andare in giro.

Oltre a Cappy, Odyssey introduce anche una più ampia gamma di mondi da esplorare, luoghi che cadono al di fuori del Regno dei Funghi tipico della serie è noto per. La maggior parte sono i tipi di luoghi che non ci si aspetterebbe necessariamente che Mario fosse, dal paesaggio urbano di New York-like di New Donk City, a un castello oscuro e fatiscente che sembra strappato proprio fuori dalla serie gotica fantasy Dark Souls. Aggiungendo insieme questi due aspetti – possesso e nuove location – i designer Nintendo sono stati in grado di creare un’ esperienza che introduce continuamente nuovi concetti.

Come quasi ogni Super Mario prima di lui, l’ impulso di Odyssey è una diga stanca in narrazione angosciante: la principessa Peach è stata catturata da Bowser, e Mario ha bisogno di salvarla. Stranamente, quando stai giocando il gioco, è strutturato più come una vacanza di globe-trotting che una missione di salvataggio. Quando si approda in una nuova località – nei piloti di Odyssey Mario piloti di un’ imbarcazione volante che assomiglia a un copricapo superiore – si riceve una mappa pieghevole completa di punti di riferimento chiave e informazioni interessanti sulla cultura locale. Siete incoraggiati a esplorare, e ogni zona ha anche la propria valuta locale, che è possibile utilizzare per acquistare souvenir o un assortimento sorprendentemente enorme di abiti per Mario.

Switch

Nintendo ha detto di aver utilizzato un concetto di giardinaggio giapponese conosciuto come hakoniwa – o box garden – per creare i mondi di Odyssey. Invece di spazi ampi e aperti come in The Legend of Zelda: Breath of the Wild, l’ idea è che i livelli in Odyssey sono relativamente più piccoli, ma pieni di tanti dettagli minuscoli che non si può notare all’ inizio. Questo può renderli particolarmente divertenti da esplorare. Poiché ogni mondo è così diverso dall’ ultimo, mi sono ritrovato costantemente a scoprire cose che non mi aspettavo o non avevo mai visto prima.

Il nucleo centrale dell’ esperienza è ancora molto Super Mario. Odyssey è in gran parte un gioco platforming. Passerete un bel po’ di tempo a saltare in giro, per capire come navigare nel mondo usando l’ abilità iconica di Mario. Si raccolgono ancora monete e, come in Mario 64, ci sono oggetti speciali chiamati “lune di potenza” disseminati in ogni fase, che avrete bisogno di raccogliere per aprire nuove aree.

Rispetto alle più recenti avventure di Super Mario 3D, come 3D World e la sottoserie Galaxy, gli ambienti di Odyssey sono abbastanza grandi, ma non hanno perso molto mentre si scalano. Ci sono alcuni spazi ampi e abbastanza vuoti da attraversare – come distese di campi desertici o innevati – ma collegano tra loro le sezioni strette e sapientemente create che ci si aspetterebbe dalla serie. E ci sono ancora abbondanti piccole aree piccole, una tantum nascoste via. Ciò che l’ Odissea fa, tuttavia, è far sentire quegli spazi familiari come parte di un insieme più ampio, e poi aggiungere nuovi elementi in cima. Questa struttura a livello mondiale rende il gioco perfetto anche per il Nintendo Switch, in quanto è possibile esplorare enormi parti del mondo mentre ci si riposa sul divano o affrontare una sfida veloce mentre si è in viaggio.

Super Mario Odyssey is very fun, and it’s also very approachable. Odyssey is an incredibly forgiving game; there are no lives, so if you die you simply lose a few coins, which are already plentiful. A few tricky boss battles aside, getting through the main campaign (which took me a little over 20 hours) isn’t especially difficult if you’ve played a 3D Super Mariobefore. That’s not to say the game isn’t challenging, but most of the really difficult segments are relegated to optional side quests. Essentially, you can choose your own difficulty by playing whatever bits of the game feel most comfortable to you. I love to scour perilous locations for hidden items; my four-year-old simply wants to toss Cappy on a fish and swim around the game’s crystal clear lakes.

It’s a testament to the sheer creativity underlying Odyssey that, even after watching the credits roll and playing for more than 24 hours, I still regularly come across things I haven’t seen before. (The game opens up significantly after you complete the story.) There are coins and moons to collect and tucked-away nooks to discover. There are many moments in Odyssey where it doesn’t necessarily look like a Mario game, but more like the squat plumber has been transported into some other virtual realm. But it always feels like Mario— because it never stops surprising you.

Posted on

Resident Evil 2 Remake data di uscita, rimorchi e tutto ciò che sappiamo

Il remake del capolavoro di Capcom di sopravvivenza survival horror del debutto rimane uno dei giochi più belli della serie, mantenendo un livello di qualità visiva e terrore puro fino ad oggi. Resident Evil è un classico della pietra fredda, e ora è in via di ripensamento del suo altrettanto amato successore.

Abbiamo compilato tutto quello che avete bisogno di sapere su Resident Evil 2 Remake, incluse tutte le ultime notizie, informazioni sul gameplay, voci e persino la nostra lista di potenziali funzionalità.

Che cosa è Resident Evil 2 Remake?

Annunciato per la prima volta nel 2015, Resident Evil 2 Remake è inteso come una moderna iterazione della versione del 1998. I fan chiedono il progetto da anni, e dopo il successo degli originali remaster Resident Evil e Zero, Capcom sta finalmente ascoltando.

Al timone è Hiroyuki Kobayashi, e ancora non è ancora chiaro se il titolo manterrà gli angoli fissi camera del suo predecessore o optare per una vista in prima persona, come visto in Resident Evil 7. Forse entrambi?

Resident Evil 2

Residente Evil 2 Data di rilascio Remake

Non è stata confermata alcuna data di rilascio per Resident Evil 2 Remake, ma è attualmente in fase di sviluppo presso Capcom.

In una recente intervista con Collider, il produttore di serie Hiroyuki Kobayashi ha dichiarato:”Una versione rielaborata del gioco sarà presto pubblicata da Capcom”.

Resident Evil 2 storia di Resident Evil 2 Remake – Di che cosa si tratta?

Set due mesi dopo il primo Resident Evil, Raccoon City si trova nel bel mezzo di un focolaio di zombie a seguito dell’ incidente Spencer Mansion. Si gioca sia come Leon Scott Kennedy o Claire Redfield, due agenti di polizia rookie che da allora sono diventati personaggi iconici della serie. Il vostro lavoro è quello di sopravvivere e alla fine scoprire le vere intenzioni di Umbrella e il loro coinvolgimento nello scoppio critico.

Resident Evil 2 gioco Remake Resident Evil 2 – Come funziona?

È difficile da prevedere, perché Capcom potrebbe prendere la sua visione iniziale in una serie di direzioni. Se utilizza lo stesso modello di Resident Evil HD, allora sarà esattamente come l’ originale del 1998, con opere d’ arte appena disegnate e voce in azione per riflettere lo stato del gioco nel 2017.

La combinazione di base di esplorazione, combattimento e sopravvivenza probabilmente rimarrà, come avrete bisogno di inviare strategicamente nemici e oggetti preziosi orda in tutta la città. Si potrebbe desiderare di evitare di morso troppo.

Resident Evil 2 Remake wishlist – Quello che ci piacerebbe vedere

Espandi la storia originale

È passato un po’ di tempo dalla pubblicazione dell’ originale nel 1998, e quindi ci sono molti miglioramenti che potrebbero essere apportati a Resident Evil 2. Ci piacerebbe vedere la storia stessa affrontata, ampliata ulteriormente con un migliore sviluppo dei personaggi e una maggiore profondità in tutta la città di Raccoon.

Leon Kennedy e Claire Redfield dimostrano il loro coraggio in fasi successive, ma vederli come personalità più giovani e vulnerabili in una situazione così pericolosa sarebbe eccellente. Non vogliamo che Capcom riveda completamente la storia originale, ma la renda più adatta al pubblico moderno.

Un mondo di gioco più ambizioso

La cornice iconica di Raccoon City deve rimanere intatta, ma questo non significa che la formula esistente non possa essere ampliata. Ci piacerebbe vedere più edifici esplorabili, vicoli e strade lasciate decimate dalla minaccia dei non morti. Desperatamente alla ricerca di risorse in una città rotta suona fantastico, soprattutto con zombie in agguato dietro ogni angolo.

Resident Evil 2 alla fine si espande in laboratori sotterranei e luoghi inquietanti avvolti nel mistero. Queste impostazioni sono perfette per un po’ di ritocco, aggiungendo ulteriori oggetti da collezione che aiutano a dare vita al mondo strano e meraviglioso di Resident Evil 2.

Migliore recitazione della voce

Qualcuno potrebbe sostenere che la voce terribile recitazione da precedenti titoli Resident Evil aggiunge al fascino. Certo lo ha fatto, ma Resident Evil 7 ha dimostrato che poteva essere di prim’ ordine e rimanere fedele alle radici della serie.

L’ imminente Remake dovrebbe prendere più di pochi puntatori da Resident Evil 7 in termini di evocare un’ atmosfera terribilmente realistica, con personaggi credibili che non si fanno strada attraverso ogni singola riga.

Posted on

Resident Evil 2 Progetto di risanamento ventilatore abbandonato su richiesta di Capcom

InvaderGames, il fan-group di Resident Evil 2: Reborn, ha confermato che sta abbandonando il lavoro sul progetto su richiesta di Capcom.

Pubblicando su NeoGAF, un membro dello sviluppo ha spiegato che ha accettato di fermare il progresso perché Capcom ha rivelato piani di rifacimento ufficiale del gioco stesso, e lo ha fatto in buone condizioni.

“Contrariamente a quanto si potrebbe pensare,[l’ annuncio di un remake ufficiale] è per noi una notizia meravigliosa”, si legge nella dichiarazione. “Come tifosi, siamo così felici che Capcom abbia deciso di prendere la guida del progetto”.

L’ affermazione continua:”Nessuno potrebbe riportare in vita il capolavoro del 1998 meglio degli stessi creatori”.

Secondo la dichiarazione, InvaderGamers è stato anche invitato a incontrare il team di sviluppo di Capcom “per discutere ulteriori idee”.

Riflettendo sul progetto, InvaderGames ha detto che era soddisfatto di quanto bene i tifosi hanno risposto al suo lavoro.

“Anche se non siamo in grado di completare il progetto Resident Evil 2: Reborn, siamo soddisfatti di quello che abbiamo mostrato[è stato supportato] da fan di tutto il mondo ed è stato notato dalla stessa Capcom. Promettiamo che il lavoro svolto finora sarà utile per i progetti futuri”.

Nel luglio 2015, è stato riferito che il remake realizzato dal fan di Resident Evil aveva attirato l’ attenzione di Capcom, e l’ azienda giapponese ha chiesto “opinioni oneste” riguardo al desiderio di una nuova release.

Yoshiaki Hirabayashi, produttore del Resident Evil HD Remaster, in seguito confermò di aver eseguito un remake ufficiale ai suoi capi. I risultati della riunione sono stati infine confermati quando è stato rivelato il Resident Evil 2 guidato da Capcom.

Hirabayashi ha indicato che il progetto è nelle primissime fasi di sviluppo e “ci vorrà un po’ di tempo prima che[Capcom] possa offrirvi un aggiornamento su questo progetto”.

Anche se i dettagli devono essere confermati, si ritiene che Resident Evil 2 sarà completamente rifatto per console moderne.